“The dirty clothes of the left wing party”: an interview with Stefano Santachiara

An interview with Stefano Santachiara, co-author with Ferruccio Pinotti, of the journalistic investigative book on the transformation of the major Italian political party.
“I admit it: we could and should have done more and better. We underestimated the
viscosity of the collusive customs that are dominant in our country, even in the
intellectual environment. The point is that a civil, ethical and political culture can’t be
established with articles, seminars and refined books. It must come from a common reason, a shared value”.Image

Salvatore Veca’s explanations can be found in the book “I panni sporchi della Sinistra – I segreti di Napolitano e gli affari sporchi del PD” (in English: “The dirty clothes of the left wing party – Napolitano’s secrets and the dirty affairs of the Democratic Party”) by Ferruccio Pinotti and Stefano Santachiara (Chiarelettere, 2013 pp 382), a book that maybe encompasses the most valuable synthesis of this transformation phenomenon. As the book goes on, it offers a low-key interpretation of the situation, especially targeting the electors of this political party whom, at every defeat or after every incomprehensible action, ask themselves: why?
Meanwhile Silvio Berlusconi, in the evening of November 27, was expelled from the Parliament after a long, lengthy agony, as a result of the application of the Severino law.

“Ousted” – “Voted out” – “Expelled”: International newspapers, especially the anglosaxon ones have reported the decision taken by the Italian Parliament using the most variegated terminology. The rupture, then, was not year 2011, when the “technicians” took office, but November 27, 2013.
Reading “I panni sporchi della Sinistra – I segreti di Napolitano e gli affari sporchi del PD” by Ferruccio Pinotti and Stefano Santachiara is like raising the semi-dark veil which still today covers those schemes and games that we never managed to unveil. The interview with one of the authors, Stefano Santachiara, an inquiry journalist and collaborator for the newspaper “Il Fatto Quotidiano”, aims at clarifying the scope of the book and most of all sheds a light on a story that is still mostly unknown: the inquiries of which very little is said, the collusions, and the endemic sin that brought to the anthropological transformation of a party that was founded to be something different.

In your book there is a full analysis of several happenings that concern the Democratic Party, starting from the time when it was symbolically represented by Berlinguer’s person, and then going through the lives and deeds of some of the key exponents. Why did you feel the necessity, the urgency, to reconstruct the framework of the center-left wing? Did you feel that the press was lacking in reporting the ambiguous, corruption affairs in which the party is involved? 
I believe there was the necessity to reconstruct an organic picture of the party, that would be useful to understand the reasons of the involution of the Italian left wing, both in terms of political program and culture. The publishing industry, despite the frequent polemics inside and outside the PD, induces the reader in believing the contrary, and has treated in a superficial and sometimes neglectful way the various events that affect the nerve centers of the System. I am not just talking about the well-known cases, but also about the several judiciary and journalistic inquiries on opaque relationships, conflicts of interests, and the sophisticated means that also the democrats use to finalize businesses and grow their power.

In light of the new government majority, after the desertion of Forza Italia and the very recent expulsion of Silvio Berlusconi from the Parliament, can the figure of Giorgio Napolitano be interpreted differently from the way you described it in its various aspects (from “migliorista” [ belonging to a reformist subgroup of the former Communist Party] to “atlantista” [tied to Atlantic powers], and finally evidently in sync with Silvio Berlusconi)?
The relationship between Napolitano and Berlusconi has seen phases of explicit syntony alternated with tactic estrangements. We must take into account that the leader of the re-estabilished Forza Italia is not defeated: on one side a law (the former Cirielli law) protects him from all risks of being imprisoned; on the other side he will try to become Prime Minister again without going through the elections, which he will carry on anyway in an even more self-pitying fashion. Also, the hypothesis of an act of grace from the President of the Republic cannot be excluded, unless there really aren’t the prerequisites to grant grace, as the latter has stated. In every case, when the situation will evolve in a negative way for Berlusconi who, as every human phenomenon is destined to disappear, Napolitano will act as a barometer. “King George” is the supreme warrantor of the Atlantic power; he is well-liked by the Vatican and is double-linked to the Italian left wing of the Second Republic. Indeed, it must not be forgotten that the “Berlusconism”, the proprietorial and shoddy management of the institutions that has penetrated the country with its moral ruins, has created a far larger system. Just to stay on the topic of justice, in its 7 years of government, the left wing – as we have explained in our book – has not trashed any of the “laws of shame” but has ended up creating their owns. The governments of the “technicians” have put in place measures of “social butchery” by applying the austerity doctrine and by privatizing strategic sectors of the State. The modern left wing has tried to enter the parlor and has developed relationships with unscrupulous financial experts. Napolitano has observed these phases on a due distance, but has always played and will continue playing a primary role in the geopolitical arena.

In the detailed and would say new biography of the President of the Republic there are several historic happenings that have been eluded by the most, such as the one of the escape of the former representative of the P2 Licio Gelli, just when Napolitano Minister of Internal Affairs in 1998. Another event of those years (1997) is the audition of the justice collaborator Carmine Schiavone before the Parliament Commission of Inquiry on waste recycling, an inquiry that was advertised only after the removal of the State Secret. These essential information have been kept secret for almost 20 years. Is this still due to the need to guarantee an equilibrium in the country?
This is the emblem of a country that is content with pieces of truth, often convenient truth. It is evident that truth is hidden at many levels because the mass of powers that manage the destines of this country does not allow that the conditions to bring light to these obscure seasons are created, by applying also the strategy of tension commendably described by Pier Paolo Pasolini. Furthermore Italian media, addressed by impure publishers with different interests but connected to each other, have reduced inquiry journalism to the bones. Just to give an idea of the current “dispersion” and “repression” strategy, it is enough to notice that while the Kennedy family is still venerated, our own “JFK”, Aldo Moro, has been forgotten already from a long time.

You compare Aldo Moro to JFK in terms of changing potentiality, for the major change that the first tried to apply with the attention strategy that then culminated in the historical compromise. However, Moro put together that “strategy” just because – being him a great political strategist – he understood that it was not possible anymore to isolate a party that was gaining ever more popularity in the country. In reality, the strategy only aimed at a normalization, a control that the Italian Communist Party (PCI), after the initial due caution, accepted with significant consensus just to stay in the parlor of power. In my opinion, even here in Italy, Moro is not looked at under an objective light. What do you think about it? 
I share your interpretation, also considering the role of bastion that the DC (Democrazia Cristiana – in English, Christian Democracy, Moro’s party) undertook in the International scenario and the natural pretension towards the Cold War politics. I believe that the person of Moro has become an icon, which has been however removed in many crucial aspects.

Another key figure of the “cold fusion” between left wing and former DC representatives, to quote Achille Occhetto whom you interviewed in your book, is Luciano Violante who has lived his political life after an admirable career as a magistrate with perfect balance. The apex of this balance seems to be the so called “negotiation” between State and Mafia (for which Napolitano was asked to give his testimony as a witness along the trial hearings), that sees him as a protagonist with late depositions on his role in those years (92-93). Violante, as you report in the book, had adopted a very cautious position on Berlusconi’s decadence from Parliament. What happened this time? Is this new balance being formed and how?
I believe that everybody is still waiting. Violante’s movements must be observed with great attention because we are talking of a chameleonic person that has lived the most delicate phases of the Italian contemporary history. After having investigated on the military coup by Edoardo Sogno, Violante was entitled as consultant of the Ministry of Justice in the Andreotti government of national solidarity. In the role of President of the Anti-Mafia Parliament Commission he has been depicted as the fist accuser of the “Divo Giulio” (Divine Giulio) at the time of the inquiry carried out by the Prosecutor of Palermo Giancarlo Caselli. In that phase, as you reminded me, Violante had a very ambiguous behavior when the audition of Vito Ciancimino before the Commission did not take place, and was also ambiguous about the conversations with the general officer Mario Mori, that Violante made public 16 years later only. I am pretty sure that the 2002 confession about an under-the-table agreement with Berlusconi for the intangibility of Mediaset can represent some sort of message to decode, typical of political groups who share secrets.

In the chapter Mafia nella roccaforte rossa [“Mafia in the red headquarters” in English] on the Serramazzoni case ( a town in Emilia Romagna involved in the judiciary inquiry opened in 2011 on a possible collusion between Mafia and politics), you state that this is the “first” verified case about relationships between Mafia and politics in which the PD is formally involved: what do you mean by first verified case?
Actually it’s the first case in Northern Italy about an administration led by the PD. Regardless of the outcome of the trial (the charges are: corruption and collusive tendering of some works in the Apennine region), the relationships between the PD major of Serramazzoni Luigi Ralenti and the former detainee Rocco Baglio from Gioia Tauro have already been verified. According to the prosecution, the Mafia boss won the contracts with one hand and with the other set arsons, and sent to other contractors animal heads, an unmistakable Mafia symbol. Even if collusion events are more numerous in the centre-right wing – starting from the founder of Forza Italia Marcello dell’Utri who was convicted for involvement in criminal association, the growing international enterprise of the “Mafia Ltd.” involves the left wing as well, and not only in the South.

Your description of the role of the PD women is particularly interesting and shows that despite various claims and a few recent representative designations (and of course apart from some great women of the past like Nilde Iotti and Tina Anselmi) they don’t seem to find a relevant role and power in the party. Left aside what you report in the book chapter “Women in PD”, can you explain us why this is so?
The reasons must be found in the cultural retardation of the patriarchal society influenced by the Vatican. The left wing, even if with its chauvinist unwritten dogma, has allowed women to conquer fundamental roles and rights throughout the ‘900. The fact that the driving force is now aground, and today the PD acts just as the other Italian political parties, could be connected to the entrance in the rooms of power and the conception of power which implies co-optation, in alignment with criteria which are not meritocratic. Nevertheless, there are examples of women who stand out for the courage and rigor they apply in their analysis and proposals; great administrators who challenge the Mafia, as we tell in our book.

(Simona Zecchi).

English version by Marina Melchionda, translation collaborator: Giacomo Bracci, a scholar economist

Stefano Santachiara, investigative journalist, is a collaborator of “Il Fatto Quotidiano” since 2009.
Ferruccio Pinotti writes for “Corriere della Sera” and has authored many inquiry books on strong powers.

Fonte: http://stefanosantachiara2.wordpress.com/2014/01/04/the-dirty-clothes-of-the-left-wing-party-the-la-voce-di-new-york-interview/

Disponibile su La Voce di New York: http://www.lavocedinewyork.com/I-panni-sporchi-della-Sinistra–I-segreti-di-Napolitano-e-gli-affari-del-PD-/d/3562/

Il Venerdì e le convergenze parallele

L’ultimo numero del Venerdì di Repubblica, uscito il giorno 13 dicembre 2013, contiene un’interessante inchiesta su un lato poco conosciuto del nostro Presidente della Repubblica: pare che Napolitano fosse sotto osservazione dell’intelligence britannica tra gli anni ’70 ed ’80, in quanto “volto sorridente” e moderno del Partito Comunista Italiano. L’articolo, pubblicizzato sulla copertina del periodico, contiene anche una serie di rivelazioni relative alle attività di spionaggio dei servizi inglesi su esponenti della sinistra dell’epoca, come Pajetta e Cicchitto.

Il timing dell’articolo è curioso, dal momento che esce poco tempo dopo un coraggioso libro scritto dai giornalisti Ferruccio Pinotti e Stefano Santachiara, dal titolo I panni sporchi della sinistra(edito da Chiarelettere). Nei vari capitoli del libro, motli degli attuali protagonisti del Partito Democratico vengono studiati e ne vengono tracciati i rapporti con lobby e centri di potere nazionali ed internazionali. Un ampio spazio è dato proprio alla biografia di Giorgio Napolitano, e in particolar modo ai suoi rapporti con Silvio Berlusconi, i servizi sergeti americani e la massoneria. I documenti proposti dagli autori, di matrice americana, ci parlano di un Napolitano garante dei poteri atlantici che attraverso la sua corrente “migliorista” contribuisce alla mutazione genetica del PCI in un partito organico ai poteri sovranazionali.

Tuttavia, nell’articolo del Venerdì il libro di Pinotti e Santachiara non viene minimamente citato.
Si tratta di una semplice coincidenza? Eppure è altamente improbabile che I panni sporchi della sinistra, con la sua nuova chiave di lettura su Napolitano, sia sfuggito ai segugi di Repubblica: oltre a numerose recensioni apparse su carta e sul web, anche una testata online come Micromega, appartentente allo stesso gruppo editoriale del Venerdì, ne ha pubblicato un estratto il giorno 4 dicembre.
Cerchiamo di comprendere questo strano caso che potremmo definire di “inchiesta parallela”, dal momento che mentre i due scrittori impiegano fonti americane per documentare l’interesse dei poteri atlantici verso Napolitano, i giornalisti del periodico di Repubblica utilizzano fonti britanniche.
Alcuni elementi dell’articolo del Venerdì sono poi illuminanti al riguardo. Le fonti dei servizi britannici dipingono infatti Napolitano come un innovatore; un moderato che con la sua capacità di intrattenere rapporti con una pluralità di poteri esteri ha permesso al PCI di dismettere i panni dell’antiquato e temuto movimento di massa, per trasformarsi in un partito moderno e capace di governare i processi politici dell’Italia.

L’immagine di Napolitano che emerge dalla lettura del libro di Pinotti e Santachiara è totalmente diversa. I viaggi di Napolitano negli Stati Uniti durante il rapimento di Aldo Moro; le dichiarazioni e i documenti che testimoniano legami pericolosi con i servizi segreti e i falchi americani come Brzezinski e Kissinger; le convergenze con Silvio Berlusconi ci parlano di un politico con la precisa missione di garantire e consolidare i poteri atlantici, piuttosto che un visionario riformatore.

La lettura comparata dei due contributi fa sorgere immediatamente una domanda. Perché la redazione di Repubblica omette di citare una fonte così cruciale nell’analisi dei rapporti fra Napolitano e i poteri esteri?
A qualcuno può interessare nascondere al grande pubblico la natura innovativa e “scomoda” delle tesi di Pinotti e Santachiara, che risulterebbero già note e già sentite a chi si troverebbe a scoprirne l’esistenza dopo la lettura dei contributi del periodico.

Ma si tratta, al contrario, di due analisi che giungono a risultati totalmente diversi, ed è perciò importante che le tesi di Pinotti e Santachiara siano portate alla luce senza essere oscurate o annacquate.

La cura Monti ci porterà all’eutanasia

Cito testualmente dal sito Democrazia Radical Popolare (http://www.democraziaradicalpopolare.it).

“Mario Monti, a margine del suo recente soggiorno londinese, ha specificamente chiesto ai Fratelli della City di impegnarsi in modo massiccio per acquisti di titoli di stato italiani, in modo tale da favorire un significativo calo del suddetto e famigerato spread. Ciò, in cambio di generose concessioni affaristiche sull’imminente business delle dismissioni/privatizzazioni di beni e aziende pubbliche italiane, nazionali e locali. In tal modo, i cittadini del bel Paese avranno l’illusione (mediante un’artificiosa e revocabile discesa dello spread, scientemente e strumentalmente realizzata per fini speculativo-predatori imminenti da gruppi finanziari e fondi di investimento manovrabili da Fratelli britannici) di aver cominciato a migliorare qualcosa, mentre in realtà la disoccupazione continua ad aumentare, le aziende italiane continuano a fallire, le banche concedono sempre meno credito, le tasse aumentano, i redditi calano così come il potere d’acquisto di salari e pensioni, la spesa e i servizi pubblici diminuiscono in qualità e quantità, la precarietà non diviene mai flessibilità e dinamismo di offerta lavorativa, e ci si prepara anche a rendere i licenziamenti più facili e indolori per chi li dispone, spacciando impunemente la cosa per un incentivo all’assunzione e alla mobilità professionale.

Il governo Monti, in sostanza, è un esecutivo di pericolosi impostori, manipolatori e parolai che, con la complicità di mass-media servili e di forze politiche ignave, ignoranti e imbelli (oltre che subalterne culturalmente e ideologicamente), vendono agli italiani le loro ricette dogmaticamente mercatiste come preziose perle di sapienza politico-economica.

Si tratta in realtà di provvedimenti legislativi e normativi in certa misura insignificanti, in altri casi, invece, drammaticamente pericolosi e nocivi per il bene comune.

Ma l’aspetto più rilevante dell’esecutivo Monti non è rappresentato da ciò che esso sta facendo o intende fare, quanto da quello che esso non sta facendo né mai farà, causando così la perdita di tempo prezioso all’Italia e all’Europa, che avrebbe avuto bisogno di un Premier italiano (in rottura con il pernicioso duetto “Merkozy”) sostanzialmente autorevole ed incisivo nel far cambiare rotta alle politiche della UE e non vanamente celebrato per i suoi allori passati e futuri di servizievole cane da guardia dell’ortodossia mercatista propugnata da “Sorella Merkel” e “Fratello Draghi” (tanto per usare termini cari al lessico muratorio in voga legittimamente, purtroppo, anche presso gli ambienti più reazionari e oligarchici di certa massoneria e para-massoneria planetaria).

In definitiva, il “giochetto” per truffare/abbindolare gli italiani è il seguente (ammesso che riesca sino in fondo , perché le variabili sono notevoli, anche in presenza di massicci acquisti artificiosi e mirati di titoli di stato italianida parte di solidi gruppi finanziari vicini al Massone Monti) : fintanto che scende lo spread, il Premier bocconiano si sente autorizzato a procedere spedito con le sue pseudo-riforme pseudo-liberalizzanti e a traccheggiare sulla richiesta di vere e incisive riforme strutturali della governance politico-economica europea ai vari partners europei (Germania e Francia in testa).

Mentre la Grecia sta costituendo il laboratorio più truculento e tragico della ferocia iper-mercatista tecnocratica ed oligarchica (con BCE, FMI, UE e tutti gli altri soggetti interessati placidamente coesi nel massacrare socialmente la culla della civiltà europea), il disegno progettato per l’Italia è solo poco più soft.

E prevede delle varianti, in caso di opposizione parlamentare alla sua realizzazione.

Non appena le misure austere, recessive e depressive dovessero essere stoppate o ostacolate, il Massone Contro-Iniziato Monti, di concerto con il Massone Contro-Iniziato Draghi, provvederà a facilitare nuovi aumenti dello spread (attivando fior di amici fraterni operanti sulle principali piazze finanziarie, Londra in testa, per mettere in opera, in questo caso, massicce vendite di titoli di stato italiani), il cui rialzo sarà opportunamente enfatizzato dalle truppe mediatiche asservite, così da ri-legittimare il proseguimento senza intoppi della legiferazione neoliberista e ipermercatista montiana.

Obiettivi principali e finali dell’esecutivo Monti: dismissione/privatizzazione di beni, aziende e servizi pubblici nazionali, regionali e locali (a very great business for many brothers and friends) e, naturalmente, revisione dei diritti del lavoro, così da rendere disponibile anche nel Bel Paese molta nuova manodopera a basso costo, soprattutto per aziende tedesche, francesi o sovra-nazionali interessate ad una forzata proletarizzazione/cinesizzazione dell’Italia e dell’Europa.

Quindi, ammesso e non concesso che il famigerato spread possa tornare ai livelli pre-estate 2011, ma nel contempo la disoccupazione dovesse aumentare esponenzialmente (serve agli Oligarchi per imporre nuove forme di occupazione con salari e condizioni contrattuali sempre più infimi), il potere d’acquisto delle famiglie (vessate da nuove tasse e private sempre più di servizi pubblici) diminuire sensibilmente, il credito divenire sempre più inaccessibile per aziende e cittadini, le imprese fallire, i commerci languire e i professionisti non ottenere pagamenti da clienti sempre più squattrinati, che cosa se ne saranno fatti gli ITALIANI della CURA MONTI?

Un Nuovo Centro-Sinistra degno di questo nome deve iniziare sin d’ora ad elaborare le giuste strategie comportamentali per far fronte a questo ordine di cose, tanto nel presente che nell’immediato futuro. Senza sottovalutare i suoi antagonisti, che si annidano spesso, come serpi in seno, all’interno degli stessi partiti “progressisti”. Serpi inviate/infiltrate per conto di poteri oligarchici disposti a manipolare indifferentemente destre e sinistre, pur di conseguire i propri scopi eversivi di una normale vita democratica delle società umane contemporanee.”

Qualcosa mi dice che dovrete tenere a mente queste parole fra qualche mese.

RATING

La novità più sensazionale della settimana, in materia economica, è il declassamento del debito di 9 Paesi europei ad opera delle agenzie di rating, una su tutte Standard & Poor’s. L’evento, che commenterò fra qualche riga, ci offre un ottimo spunto per definire cosa diavolo sia il benedetto rating.

Il rating è una misurazione del rischio di investimento sui titoli (di un’azienda o di uno Stato) che scaturisce dall’osservazione delle dinamiche della domanda e dell’offerta. In altre parole, l’agenzia di rating (un ente privato, su questo poi torneremo) osserva quanti investitori hanno comprato determinati pacchetti di titoli e formula una previsione sul potenziale e futuro rischio di investimento in base al rapporto fra quanti titoli sono stati emessi e quanti ne sono stati venduti da un determinato ente (azienda o Stato).
Il meccanismo è complesso, ma con buona approssimazione possiamo dire che se le compravendite sono andate male per diverso tempo ad un determinato ente, il rating di quest’ultimo verrà portato ad una classe “inferiore” di sicurezza; o, in altri casi, sono particolari analisi di mercato degli operatori finanziari delle agenzie che, in base a valutazioni sulla capacità dell’emittente (Stato o azienda) di far fronte al pagamento degli interessi, portano a promozioni o declassamenti.

Detto ciò, veniamo al caso specifico. L’Italia è stata declassata dall’agenzia Standard & Poor’s dal livello A- al livello BBB+, ovvero di due “punti”, proprio alcuni giorni fa. Una pioggia di critiche è arrivata dal mondo politico europeo, che ha unanimemente condannato le agenzie di rating definendole pericolose per la stabilità dell’Eurozona e bollando il declassamento come un attacco spropositato ed ingiustificato.
In più, i più agguerriti fra i giornalisti d’inchiesta hanno giustamente sottolineato che il capitale di Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch è in massima parte detenuto dalle principali banche d’investimento americane, ovvero Goldman Sachs, JP Morgan e Merrill Lynch; e molti, compresi eminenti politici, non hanno trattenuto insinuazioni “a bassa voce” sulla possibilità che dietro il declassamento vi sia la longa manus degli speculatori americani, rei di giocare contro l’Eurozona. Non è un caso, sostengono in molti, che nel 2008 siano state proprio le agenzie di rating a “sdoganare” i titoli tossici di Lehman Brothers definendoli investimenti sicurissimi mentre invece erano carta straccia: perchè quindi continuare a dare ascolto ad analisti privati al soldo della finanzia a stelle e strisce?
Inoltre, a breve saranno redatti in tutta Europa dei severi regolamenti per limitare i giudizi delle agenzie di rating sui debiti degli Stati sovrani.

L'agenzia di rating Standard & Poor's ha declassato 9 Paesi europei, e la linea politica neoliberista incassa il colpo.

Ve lo dico onestamente: le reazioni del mondo politico e giornalistico (salve alcune eccezioni) mi inquietano. Se è vero infatti che le agenzie di rating dovrebbero essere fortemente limitate nell’esercizio dei loro giudizi (pagati a suon di milioni di $ dai colossi finanziari), non bisogna trascurare il fatto che il giudizio espresso da Standard & Poor’s sia impeccabile, e che confermi ciò che una schiera di economisti di alto calibro (tra cui Paul Krugman, Amartya Sen, Randall Wray, Nouriel Roubini, Joseph Stiglitz) sostiene da anni.
La verità è che il giudizio di S&P brucia poiché mette per l’ennesima volta a nudo tutte le falle del sistema economico europeo e rivela la profonda crisi politica di un continente che le Destre neoliberiste e neomercantili stanno facendo affossare.
Dice S&P nel suo report:

I risultati del summit europeo del 9 dicembre 2011, e le successive dichiarazioni del mondo politico ci portano a credere che l’accordo raggiunto non abbia prodotto cambiamenti di rotta sufficienti né pienamente indicati per risolvere i problemi finanziari dell’eurozona. A nostro avviso, l’accordo politico non fornisce risorse sufficienti né la flessibilità operativa per rafforzare le misure di salvataggio dell’Europa, né estende un supporto adeguato a quei Paesi sovrani europei soggetti ad elevate pressioni di mercato.

Riteniamo inoltre che l’accordo sia basato solo su una parziale ricognizione della fonte della crisi: che l’attuale dissesto finanziario scaturisca principalmente dalla prodigalità fiscale alla periferia dell’Eurozona. Dal nostro punto di vista, tuttavia, i problemi finanziari dell’Eurozona sono più che altro la conseguenza di crescenti squilibri esterni e differenziali di competitività fra il centro dell’Eurozona e la cosiddetta “periferia”. Perciò, riteniamo che un processo di riforme basato soltanto sul pilastro dell’austerità fiscale rischia di essere auto-distruttivo, poiché la domanda interna crolla in linea con la crescita delle preoccupazioni dei consumatori riguardo alla sicurezza del lavoro e dei redditi netti, e ciò fa calare il gettito fiscale. (corsivo mio, nda)

Quello che si attendeva l’intero mercato finanziario dal summit europeo del 9 dicembre è un programma basato sulle seguenti linee guida:
1) Aumento dei poteri della BCE, con la possibilità che essa funga da prestatore di ultima istanza e che acquisti titoli di Stato dei Paesi europei come tutte le banche centrali del mondo.
2) Istituzione di un’unica obbligazione europea (Eurobond) a seguito dell’acquisto di tutte le obbligazioni sovrane dei singoli Paesi.
3) Unificazione della politica fiscale in tutta l’Eurozona e istituzione di un governo europeo unico della moneta che si possa avvalere di un fondo centrale illimitato per poter fronteggiare situazioni di emergenza (molto più efficace dell’inutile fondo salva-Stati EFSF).
Ovviamente, nessuna delle 3 misure di cui sopra è stata presa ed anzi è stato riaffermato l’assoluto primato dell’austerità e del pareggio di bilancio come “via di fuga” dalla crisi. Una via di fuga che non porta da nessuna parte, peraltro, poiché come sostiene giustamente S&P il dissesto finanziario e il crollo di fiducia degli investitori che sta mettendo in crisi l’Europa deriva dalla paura che gli Stati non abbiano le risorse per poter ripagare il debito e i relativi interessi ai finanziatori, non certo dall’indisciplina fiscale dei Paesi in crisi, di cui i mercati se ne strafregano. La possibilità che il debito non venga ripagato ( = default) è resa reale dal fatto che il sistema di finanziamento degli Stati che utilizzano l’euro è progettato male, poiché toglie agli Stati la sovranità monetaria senza affidarla ad un organo sovranazionale in grado di sostituirsi ad essi (abbiamo detto che la BCE non può compiere le due operazioni fondamentali di qualsiasi banca centrale). Questo sistema, così congegnato, premia i Paesi più forti dal punto di vista delle esportazioni, più competitivi perché usufruiscono di forza lavoro a basso costo ma con produttività più alte della media europea: perciò la forza dei Paesi esportatori è dovuta alla debolezza dei Paesi a bassa produttività. Ciò genera un differenziale di competitività irreversibile che porta i mercati ad investire sui debiti dei Paesi “deboli” solo a patto che i tassi di interesse siano elevati e il valore delle obbligazioni molto basso, a titolo di garanzia.

La sensazione che provo anch'io quando sento parlare la Merkel o Sarkozy.

Il declassamento di quei Paesi stride con il rating invariato di Paesi “forti” come la Germania, e rende ancora più urgente una serie di interventi necessari a rilanciare la produttività, la competitività e soprattuto la domanda nei Paesi in crisi. Tali interventi avrebbero il merito di sanare gli squilibri fra il Nord e il Sud dell’Europa, permettendo finalmente la stabilità. Il problema più grave non è, come molti vorrebbero far credere, la volontà da parte di investitori non europei di mettere “zizzania” fra gli Stati europei; è invece la volontà di alcuni Stati europei di continuare a mantenere i privilegi delle proprie élite (non dei propri cittadini, sia chiaro) pur sapendo che essi sono causa di sventura per gli altri Paesi. Si tratta quindi di un messaggio chiarissimo che la politica europea dovrebbe recepire al più presto: ma mentre chi ha capito punta il dito verso la luna, la politica sta a guardare il dito.
E viene il sospetto che lo faccia di comune accordo con interessi che hanno come preciso obiettivo la prosecuzione di questa crisi.

Tertium non datur

La gravità e la rapidità degli eventi che stanno condizionando la politica italiana e mondiale impongono a tutti i cittadini di acquisire più informazioni possibili in materie economiche, storiche, politiche.
Gente, è tempo di studiare ed agire: non dormite, non prendete per i fondelli voi stessi e gli altri fregandovene della congiuntura mondiale che sta inchiodando il nostro futuro.

Per questo, inizierò a condividere con chi desidera un percorso di approfondimenti nelle suddette materie, affinchè tutti (compreso chi scrive) abbiano gli strumenti necessari per poter fronteggiare e resistere alle becere e inconcludenti manovre che i governi europei stanno conducendo in questi mesi.
E magari poter proporne di altre, diametralmente opposte nel contenuto e nelle finalità.
Inizio proponendo alcuni interessanti articoli di giornalisti ed economisti che dovrebbero aiutare nella comprensione dei gravissimi problemi che stiamo affrontando.

Mattia Granata, Piano della Nazione
Krugman, Keynes Was Right
Europe’s Non-Solution
Paolo Barnard, Il Più Grande Crimine

Molti altri contenuti arriveranno presto. Intanto, buon anno a tutti.