MMT e protezionismo – dialogo con Emiliano Brancaccio

Qualche settimana fa, dopo il Forum Europeo 2014 organizzato dal Coordinamento nazionale sinistra contro l’euro ad Assisi, ho avuto il piacere di incontrare Vox Populi per approfondire alcuni dei temi discussi in quella sede.

Proviamo a costruire ponti per comunicare con tutte le visioni critiche rispetto a questa gestione oligarchica dell’Europa e del Mondo.

Annunci

La shock disinformation e la stampa italiana

In calce ad un ottimo articolo di Stefano Santachiara, una commentatrice dall’enigmatico nickname di “Niki-ta-ta-ta” scrive:Immagine

Come ha reagito la stampa democratica, riformista, sedicente di sinistra e pseudolibera all’editoriale di Stefano Santachiara pubblicato la tarda sera di lunedì 3 marzo? Ma ignorando i contenuti-bomba del fondamentale compendio, che del resto sono off limits da sempre! L’ascesa di Napolitano garante atlantico, i servizi sbrigativamente definiti “deviati” dagli stessi questurini di penna che mai hanno denunciato l’infinita strategia della tensione stato-terrorismo-mafia, gli scoop de “I panni sporchi” su Sposetti, D’Alema, i casi Forleo e Digeronimo, la spiegazione finalmente completa dell’involuzione della sinistra progettuale ed etica, la denuncia dei poteri forti che sostengono Renzi, l’onnipotente Fiat, le svendite pubbliche di Prodi, il divorzio Tesoro-Bankitalia, il fiscal compact, tutte questioni cancellate appositamente dai media che invece ripetono in modo ossessivo il mantra di privatizzazioni e spending review e tutto il resto, appunto il meccanismo spiegato magistralmente nell’articolo: light, ordinary, shock disinformation.

Leggiamo dunque i quotidiani del 5 marzo 2014:

Il Manifesto, perso nei labirinti del comma 22 della legge elettorale come fosse un pollaio televisivo qualsiasi, dedica una pagina di cultura a Pietro Secchia. L’articolo, a firma Gianspaquale Santomassimo, mira a stroncare la presunta mitologia che aleggerebbe sull’ex partigiano che fu leader della sinistra del Pci: ”Istituì un legame con Feltrinelli, che si tradusse nella cura di Annali e nel libro sulla Guerriglia in Italia (1969) che probabilmente influì moltissimo sul mito postumo. Viaggiò molto, per documentarsi sulle crisi rivoluzionarie che si erano aperte nel mondo, e nel suo ultimo viaggio in Cile contrasse una misteriosa intossicazione che dopo qualche mese lo condusse alla morte il 7 luglio 1973. Si parlò di un avvelenamento da parte della Cia, senza alcun elemento di plausibilità, ma anche questo entrò a far parte dell’alone mitico che circondò a lungo la sua figura (…) LIGHT

L’Unità pubblica un editoriale di Tommaso Nannicini per chiedere il superamento del messaggio socialdemocratico. Lo scrivente dapprima mostra stupore circa il compromesso tra capitalismo di mercato e stato sociale, che non è stato uno sbocco fisiologico ma “appartiene alle grandi invenzioni della storia, al pari della ruota e della penicillina”. Poi stupisce i lettori del quotidiano fondato da Antonio Gramsci: ”Il passaggio da società “a piramide” (con tanti poveri alla base e pochi ricchi in cima) verso società “ a diamante” (con un’ampia classe media nel mezzo) ha cambiato la natura delle politiche pubbliche, che hanno spesso finito per perseguire obiettivi distributivi (finanziati con inflazione, disavanzo pubblico o tasse nascoste) piuttosto che redistributivi. Nella società dei consumi e dell’istruzione di massa, la sfera personale ha smesso di coincidere con quella lavorativa. La globalizzazione, sia pure tra mille ritardi, sta estendendo la classe media ad altre parti del pianeta. E le attuali difficoltà della classe media nei Paesi sviluppati non implicano certo la sua scomparsa (…) A sinistra si accusa spesso la globalizzazione liberista (ammesso che questo aggettivo significhi qualcosa) di aver ridotto l’uguaglianza. Ma la disuguaglianza tra paesi si è enormemente ridotta negli ultimi due decenni. C’è un eccesso di euro-centrismo in questi gridi d’allarme (…) Lo stesso vale per l’uguaglianza all’interno di un Paese. L’uguaglianza distributiva è senz’altro importante. Ma la stessa distribuzione del reddito può essere o meno accettabile, proprio da una prospettiva di sinistra, se corrisponde a una maggiore o minore uguaglianza delle opportunità.. E una maggiore uguaglianza distributiva non sempre è giustificabile (di nuovo: in un’ottica di sinistra) se è raggiunta sacrificando del tutto l’uguaglianza tra generazioni. L’uguaglianza nei punti d’arrivo degli individui, infine, non vive di solo reddito (…) SHOCK

La Stampa innalza i vessilli del regno di Sabaudia e dei monarchi assoluti. Il record di umidità non spetta però al selfie di Sergio Marchionne, passato in pochi minuti da un onirico “non ho mai chiesto una lira al governo” alla consueta doglianza per i niet dei politici alla riapertura del museo di Arese per “rilanciare l’Alfa Romeo”. Marco Zatterin, riportando la cronaca delle pagelle della Commissione europea alle Regioni italiane in tema di innovazione, ricorda le parole del commissario per l’industria Antonio Tajani:”La presenza della Fiat è stata importante come tutto il sistema delle piccole imprese, hanno fatto la differenza mentre il Paese faticava”. Prosegue di suo pugno l’inviato a Bruxelles:”La regione sabauda è in effetti la migliore a livello nazionale per l’innovazione del business, per la capacità delle piccole imprese di evolversi con progetti fatti in casa e la dote di saper introdurre i processi. E’ regina, infine, anche per la qualità della manodopera ad alta specializzazione. Chapeau!”. ORDINARY

Come accade sovente Il Fatto Quotidiano e Il Foglio intervengono contestualmente sui temi caldi. Il ricettivo quotidiano diretto (ancora per poco) da Antonio Padellaro parla in prima pagina di “tre livelli”. No, non quelli descritti per la shock disinformation ma relativi al governo Renzi, accusato di questioni secondarie e svianti, anche se più sottili rispetto alle consuete invettive televisive sul politico di turno: bella presenza, inciuci, economia. Dove per economia, dalle parti di via Valadier, si intendono, abilmente mescolate dal bocconiano Stefano Feltri, le incapacità dei governi di fare pulizia (richiesta sacrosanta) ma anche di rispettare i diktat del potere esecutivo della Troika al fine di ridurre la spesa pubblica: turboliberismo puro. LIGHT-ORDINARY

Il Fatto è anche l’unico quotidiano a riportare tale agenzinter di Romano Prodi: ”La semplicità delle mie parole nel breve messaggio di auguri all’amico di antica data Guy Verhostadt mi sembrava tale da metterla al riparo da ogni possibile strumentalizzazione, ma prendo atto che non è così. Spiego dunque, a chi non avesse compreso, che le mie parole non sono un sostegno alla lista dei Liberal democratici”. Il Foglio invece si concentra sull’affinità di Romano Prodi con Mosca, sin dai tempi in cui, nel 2008, “venne chiamato a presiedere la società del gasdotto South Stream da Gazprom, salvo poi rifiutare quella che per il governo russo è una sorta di medaglia alla legion d’onore”. In particolare l’articolo non firmato nel giornale di Giuliano Ferrara coglie la coincidenza della nomina di Prodi alla presidenza dell’International Advisory Board (a titolo gratuito) della Unicredit al posto di Amato, nello stesso giorno in cui il professore bolognese “firmava un editoriale sull’International New York Times nel quale avallava, oltre a una soluzione diplomatica e accondiscendente nei confronti di Vladimir Putin, anche alcune tesi propagandistiche del Cremlino. Nello stesso editoriale, l’ex presidente della Commissione Ue smentiva di fatto i suoi ex colleghi di Bruxelles accorsi in piazza a sostegno dei manifestanti”. Mentre soffiano i venti di guerra in una regione dove Unicredit ha interessi nevralgici, “con l’ingresso di Prodi nella pattuglia dei superconsulenti europeisti Unicredit tenta intende forse equilibrare – con diplomazia – il suo posizionamento strategico nell’area”. RADIO FOGLIO

Una riflessione senz’altro degna di nota da parte della lettrice; tanto più alla luce del fatto che a differenza dei quotidiani italiani, più o meno consapevolmente addormentati sulla questione, due personaggi di rilievo all’interno del panorama culturale come Giulietto Chiesa e Luciano Gallino hanno abbondantemente saccheggiato le idee contenute nel saggio di Santachiara.

Spiragli

Un breve intervento, che è doveroso fare alla luce della partecipazione di Paolo Barnard ieri sera a L’Ultima Parola (Rai2).

Doveroso perché finalmente, dopo mesi di inutili richiami ad una fantomatica “unità nazionale” e ad una non meglio precisata ricetta per la “crescita”, il grande pubblico ha avuto modo di conoscere scampoli di verità, proclamati a chiare lettere.

Non dimenticherò mai la faccia di Colaninno, e il suo intervento berlusconeggiante e censorio, quando Barnard ha esposto il suo pensiero circa l’attuale premier: è l’emblema di una classe politica che per 20 anni ha sbraitato contro il Nemico Finale Berlusconi (senza mai prendere, però, quei due o tre provvedimenti che lo avrebbero definitivamente messo fuori gioco) e che ora difende attivamente un gruppo di tecnocrati non eletti che stanno devastando l’Eurozona.

Questa è storia, gente.

“Non si poteva fare diversamente”

Nel mezzo del casin di nostra vita, fra i beceri exploit del Trota e i soliti giochi di prestigio di Comunione e Liberazione, la notizia politica più significativa dell’anno 2012 è passata inosservata grazie all’immancabile silenzio dei media.

Lo scorso 17 aprile infatti, il Senato ha approvato in seconda lettura il ddl che introduce nell’art. 81 della nostra Costituzione il vincolo del pareggio di bilancio: 235 voti favorevoli, 11 contrari, i restanti astenuti o “in missione”. Roba da economisti, diranno i più. Sarà, ma cosa tutto ciò significhi in termini pratici lo hanno spiegato con dovizia di particolari Paolo Barnard, Lanfranco Turci, Vladimiro Giacchè e perfino un accademico della Luiss, il prof. Giuseppe Di Taranto, ai microfoni del Tg1.

Il messaggio è forte e chiaro: se lo Stato tassa esattamente in misura eguale alla spesa che effettua per la cittadinanza, quella che gli economisti chiamano “domanda aggregata interna” subisce delle pesanti diminuzioni, che a loro volta hanno un effetto depressivo sui redditi, e così via fino ai consumi, che ne usciranno devastati. Per anni, l’egemonia neo-liberista imperante, che regna in maniera assolutamente bipartisan, ci ha raccontato che il debito pubblico è di per sè un cancro da combattere, ma senza spiegarcene accuratamente la ragione. Si dà per scontato che lo Stato, come un qualsiasi padre di famiglia o una qualunque impresa, debba risparmiare in misura uguale o superiore a quella che desidera spendere: da qui l’idea che sia necessario tendere verso il pareggio di bilancio, per assicurare un buon corso dell’economia interna.

Niente di più falso, e lo possiamo appurare riflettendo sulla natura del sistema monetario vigente. In sostanza, gli Stati membri dell’Unione Europea hanno perso ogni forma di sovranità monetaria: sono vincolati dal punto di vista finanziario dalla quantità di titoli del debito che riescono a collocare sul mercato, offrendoli a investitori privati, a tassi d’interesse decisi dal mercato stesso (non mi dilungo sul meccanismo, che ho trattato in questo post).

Una misura così fortemente depressiva è stata votata a maggioranza dall’intero asse partitico che sostiene il governo Monti (Pd, Pdl, Udc); eppure non è poi così datata l’affermazione del segretario del Pd Pierluigi Bersani, il quale in data 11/08/2011 affermava: “Non parlateci di pareggio di bilancio in Costituzione, sarebbe castrarsi da ogni politica economica“.
E certo che sarebbe castrarsi da ogni politica economica: del resto anche negli Usa si era provato ad introdurre un simile principio, ma con grande tempestività diversi premi Nobel per l’economia hanno informato il governo Obama e l’opinione pubblica dell’assoluta scempiaggine che si stava per compiere.

Cosa ha spinto allora il Pd a votare in maniera così allineata e coperta questo provvedimento, imposto con diktat degno degli antichi imperatori persiani dal Direttorio tedesco dell’Unione Europea?
Senz’altro, all’interno del partito esiste un solco profondo fra i convinti assertori di simili norme, ad esempio i centristi ex-Margherita che guardano con favore ad uno “Stato minimo” di matrice reaganiana, e la corrente più a sinistra, che Bersani sembra rappresentare; ma il voto è stato unanime e compatto.

La redazione di Democrazia Radical Popolare, movimento politico vicino al Grande Oriente Democratico, ha così descritto gli avvenimenti di quei giorni:

Costui [Bersani], dopo aver affermato nell’agosto 2011 che inserire il principio del Pareggio di Bilancio obbligatorio in Costituzione sarebbe equivalso ad un’opera di castrazione e inibizione di qualsivoglia politica economica, con inenarrabile faccia di bronzo ha impartito ai deputati e senatori PD l’ordine di scuderia di approvare questa misura suicida e criminale per le sorti del popolo italiano.

[…] Si tratta di misure ferocemente neoliberiste, di una destrorsità talmente ottusa che anche un conservatore come David Cameron le ha rigettate e persino un liberal-liberista italiota doc come Nicola Porro ha dovuto ammettere che, in un momento come l’attuale, spingere per il Pareggio di Bilancio Costituzionale era quantomeno inopportuno.

Si tratta insomma di un’inversione a 90° gradi, di cui gli stessi elettori del PD non si rendono minimamente conto. La domanda che sorge spontanea è: chi è questo dio potente che induce il segretario del partito a militarizzare il tal senso la votazione?
Soprattutto perché ieri, 20 aprile, Pierluigi Bersani ha dichiarato ad un cittadino, che gli poneva una simile domanda, che ribadisce le posizioni espresse l’11 agosto 2011, così come la sua disapprovazione delle politiche economiche tracciate dal Fiscal Compact. “Non si poteva fare diversamente“, ha però aggiunto, quando lo stesso cittadino gli faceva notare che il voto del suo partito al Senato andava esattamente nella direzione opposta.

Il quadro assume tinte sempre più fosche. Al di là del giudizio di merito che si può dare ad una simile insipienza, ed una tale mancanza di lungimiranza da parte del PD, ciò che emerge dalla vicenda è che il Parlamento italiano è stato completamente esautorato da ogni suo potere.
Non solo il governo tecnocratico europeo, nella persona di Monti, ha stretto sempre più rapidamente la sua morsa attorno all’Italia, ma anche attorno a quelle sparute frange di dissenso. L’evidente minaccia a tali forze è stata chiara: ve la sentite di opporvi a qualcuno che è in grado di far aumentare vertiginosamente lo spread fino al punto di non ritorno, e di far ricadere, tramite i media, la responsabilità del successivo collasso sulle vostre teste?
Evidentemente non se la sono sentita.

Il massimo del dissenso possibile, per membri del PD come Vincenzo Vita, è stato l’astensione. Dalle sue parole, apparse su Twitter, si deduce l’entità dell’assoluta impotenza della politica italiana, di fronte alla forza di lorsignori: “Ieri mi sono astenuto nel voto sull’equilibrio di bilancio, ritenendo sbagliato metterlo in Costituzione. E’ stata una scelta di dissenso“.

E così, all’insegna del “ce lo chiede l’Europa” e del “non si poteva fare diversamente”, si chiude un cerchio che è iniziato da qualche decina di anni, con la ratifica benpensante del Trattato di Maastricht e dei successivi accordi europei, le privatizzazioni selvagge del ’92, ad opera di un signore che oggi presiede la BCE, le misure destabilizzanti e depressive su occupazione e tassazione promosse dai governi di centro-destra e centro-sinistra, legati a doppio filo alle lobby finanziarie mondiali che stanno profittando da questa crisi.
Questo paziente lavoro di estromissione della politica dal suo ambito d’azione ha dato i suoi frutti, grazie ai rapidi passi in avanti che le forze politiche italiane hanno permesso a questo progetto di compiere.

Lasciate ogni speranza voi che entrate“, quindi, ma soprattutto, lasciate ogni speranza voi che votate.

Veltroni e il Partito Anti-Democratico

Lasciamo lavorare in pace il governo che sta facendo bene per il bene di tutti; non è questo il momento di creare dissidi e confusioni.

La Segreteria del Partito Democratico

Sono schifato, deluso, eppure per niente sorpreso nell’apprendere che quanto sopra sia tutto ciò che ha da dire il Partito Democratico, cioè quello che dovrebbe rappresentare il polo democratico di questo Paese, nel merito della vicenda beauty contest.
In breve, il PD non ha aderito alla mozione presentata da Massimo Donadi (IDV) al fine di indire un’asta pubblica per vendere i pacchetti pubblici di frequenze analogiche, rimasti inutilizzati dopo il passaggio al digitale terrestre; la mozione è stata così facilmente respinta dal governo.
Per il Caimano a nove code, è una vittoria su tutta la linea: si beccherà “a gratis” le frequenze analogiche, potendole rivendere a caro prezzo sul mercato radiotelevisivo; con buona pace dei proventi che l’operazione avrebbe potuto fruttare allo Stato. Evviva la sinistra che sta operando per l’unità nazionale, ed evviva il presidente del fare; c’è bisogno di unità!

Ed è proprio nel generale e ritrovato abbraccio d’amore dell’unità nazionale, che un’intervista come quella di Walter Veltroni per il Corriere è potuta restare indenne da pesanti insulti. Una figura di spicco del PD che utilizza gli stessi argomenti e perfino gli stessi campi semantici delle destre neoliberiste e mercatiste; uno che ha il coraggio di ripetere a reti unificate il colossale falso storico dell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori che metterebbe in fuga i capitali.
Caro Veltroni, la fuga dei capitali è già realtà da diversi anni, e basta osservare il tracollo dell’andamento generale dei principali indici di borsa per capire quanti soldi siano scappati a gambe levate da questo Paese.

Ma per Veltroni ciò non avviene perché in Italia la corruzione continua a mangiarsi 60-70 miliardi l’anno (Corte dei Conti), la grande evasione altri 120-150 e le speculazioni finanziarie svariate centinaia di miliardi, senza contare l’evasione fiscale bancaria, di cui ho già trattato. E ovviamente, a causa della strutturale velenosità del sistema Euro, progettato esattamente per mettere in ginocchio le economie mediterranee, che prima del 2001 riuscivano ad essere competitive quanto e più dell’asse franco-tedesco.
Eh no, è colpa dei bamboccioni, degli sfigati, dei lavoratori con troppe tutele, troppo poco aggiornati, troppo poco avventurieri, troppo poco flessibili.
Mai domandarsi, Veltroni, perché gli italiani siano diventati i meno aggiornati, i più sfigati, quelli che non possono permettersi di diventare uomini a 25 anni. Quello no. Dopo 40 anni di Democrazia Cristiana e circa 20 di Berlusconi, gli italiani devono essere ancora più flessibili, così potranno prenderlo, perdonate il lessico, nel culo definitivamente.

Ma se un giorno quegli sfigati, quei bamboccioni, quegli adulti mancati trascinassero voi del PD davanti al tribunale della storia e vi sbattessero in faccia tutto quello che avete fatto e soprattutto quello che non avete fatto, Veltroni, cosa rispondereste? Che cosa rispondereste se vi ricordassero che in 20 anni non siete stati capaci di produrre una legge contro il conflitto d’interessi del Caimano; che l’avete salvato due volte, prima D’Alema nel 1999 con la Bicamerale e poi tu, Veltroni, nel 2008, da una fine politica che sembrava assodata? Che avreste da dire se vi chiedessero che diamine di posizione rappresentino Enrico Letta ed altri, quando siedono all’interno dei consessi internazionali come la Trilateral Commission, faccia a faccia con gli avvoltoi neoliberisti? Facile professarsi democratici, libertari, progressisti e perché no anche socialisti, salvo poi aderire in tutto e per tutto alle istanze oligarchiche e retrive dei falchi neoliberisti come Jacques Attali, tanto per fare un esempio.
Quali argomenti avreste se vi elencassero uno per uno tutti gli incompetenti corrotti che avete candidato nelle Regioni, nelle Province e nei Comuni al solo scopo di raccattare voti, nella peggiore tradizione democristiana?
Quale resistenza avete opposto alle inaccettabili e crescenti ingerenze vaticane e neo-conservatrici, che sono riuscite a far approvare degli obbrobri giuridici come la legge anti-fecondazione assistita e che, un giorno sì e l’altro no, dichiarano guerra alla legge 194 sull’aborto?

Che diavolo vi inventereste se qualcuno vi chiedesse con quale faccia tosta e con quale disgustoso pensiero debole continuate ad appoggiare questo inutile governo, costretti ad accettare qualsiasi ricatto del PDL senza fiatare, e qualsiasi ricetta depressiva dei tecnici oligarchici, i quali stanno consentendo il massacro del lavoro dipendente e della piccola-media impresa (dietro la faccia pulita della lotta all’evasione)?
Con quale miopia politica avete ostracizzato una persona competente e coraggiosa come Stefano Fassina, preferendogli un Pietro Ichino, le cui idee nell’ambito del mercato del lavoro potrebbero trovare spazio in qualsiasi formazione di destra, nel resto del mondo?
E infine, con quale colpevole reticenza state mantenendo il silenzio sulla catastrofe greca, di cui la Troika ritiene responsabili esclusivi quei birbanti spendaccioni compaesani di Platone, mentre l’asse conservatore Merkel-Sarkozy, il premier greco Papademos, Draghi e lo stato maggiore dell’UE le ordinano di eseguire una cura più dannosa della malattia? Una malattia, peraltro, in gran parte dovuta agli squilibri commerciali che hanno consentito alla Germania di prosperare, e non, come le servili campane neoliberiste amano intonare, all’inefficienza del Paese Grecia.

Dovete spiegare a tutti coloro che in questo Paese si riconoscono nei principi socialisti, democratici e libertari quale logica vi sia dietro tutto questo; e se c’è ancora qualcuno, all’interno del PD, a cui i conti non tornano, è bene che esca allo scoperto e disconosca apertamente la classe dirigente che Veltroni rappresenta.
Se queste persone esistono, non so come abbiano fatto a tollerare l’exploit veltroniano finale, che ancor più di quanto discusso finora fa comprendere quanto poco ci sia di autenticamente progressista in questo Paese: “Non lasciamo Monti alla destra” ha tuonato il Nostro.
Che appello politicamente impeccabile, non trovate?
Un consiglio spassionato, Veltroni: sono gli elettori, e non Monti, quelli che non dovete lasciare alla destra.

L’ESM: criminalità o delinquenza?

Sottoscrivo in pieno la seguente mozione, scritta e promossa da Lidia Undiemi di PalermoReport.it. Invito tutti a leggerla, farla propria e diffonderla il più possibile.
Scegliete da che parte stare, perchè questa è guerra.

Mozione popolare contro l’attribuzione ad una organizzazione finanziaria intergovernativa del fondo “salva stati”

Premesso che:
Il dibattito sulle cause della crisi è praticamente scomparso dalla scena pubblica.
In un contesto di questo tipo le politiche di austerity rappresentano un sacrificio drammaticamente inutile per i cittadini in quanto, sostanzialmente, si tratta di versare ulteriore liquidità nel buco nero della finanza speculativa.
I leader dei paesi europei stanno tentando, in fretta e furia, di portare a regime il trattato che istituisce il Meccanismo Europeo di Stabilità (ESM), ossia lo strumento scelto dalla politica di Bruxelles per fornire assistenza finanziaria ai paesi in difficoltà, sulla base, si badi bene, del rispetto da parte dello Stato (potenziale) debitore di “rigorose condizionalità” negoziate con l’ESM nell’ambito di un programma macro-economico di aggiustamento e di una rigorosa analisi di sostenibilità del debito pubblico.
Il trattato ESM non è semplicemente un insieme di regole finalizzate ad ottenere la stabilità finanziaria della zona euro ma si tratta di un documento che disciplina l’istituzione di un organismo finanziario internazionale dove i 17 paesi aderenti, compresa l’Italia, dovranno negoziare, non in qualità di Stati sovrani ma di soci e di debitori, scelte di politica nazionale al fine di ottenere la liquidità necessaria per evitare il default.
La pericolosità di tale scelta per i cittadini europei è riscontrabile nelle trattative con il governo greco: organismi internazionali (troika) mirano a sostituirsi alle istituzioni nazionali imponendo ai rappresentanti politici la firma di un documento che attribuisce il peso della crisi alla popolazione, in cambio dell’assistenza finanziaria necessaria per pagare il debito in scadenza. Taglio delle pensioni, riduzione dei salari minimi e privatizzazioni, queste sono misure di austerità che scavalcano i sistemi democratici e che tolgono ai cittadini la possibilità di poter attuare politiche di sviluppo economico in grado di contrastare la finanza speculativa.
L’ESM intende operare come un qualsiasi istituto finanziario, erogando prestiti, rivolgendosi al mercato per potere soddisfare le richieste di concessione di denaro al fine di ottenerne un profitto.
I membri dell’istituzione finanziaria ESM, compresi quelli dello staff, sono immuni da procedimenti legali in relazione ad atti da essi compiuti nell’esercizio delle proprie funzioni. L’ESM gode inoltre di una incomprensibile “inviolabilità” dei documenti.
Il trattato stabilisce che i beni, le disponibilità e le proprietà del MES, ovunque si trovino e da chiunque siano detenute “godono dell’immunità da ogni forma di giurisdizione, salvo qualora il MES rinunci espressamente alla propria immunità in pendenza di determinati procedimenti o in forza dei termini contrattuali, compresa la documentazione inerente gli strumenti di debito” e “non possono essere oggetto di perquisizione, sequestro, confisca, esproprio e di qualsiasi altra forma di sequestro o pignoramento derivanti da azioni esecutive, giudiziarie, amministrative o normative”.
Dal punto di vista democratico, considerando anche i grandi sacrifici che vengono chiesti agli stati europei, risulta incomprensibile la scelta di garantire l’esenzione fiscale all’ESM.
Nonostante l’assenza pressoché totale di informazione, il trattato ESM non è ancora entrato in vigore in quanto occorre la ratifica da parte degli stati aderenti della modifica dell’art. 136 del Trattato sul Funzionamento dell’UE (decisione del Consiglio Europeo) che istituisce il meccanismo di stabilità finanziaria per la zona euro.
Il Parlamento europeo si è già espresso in favore della modifica dell’art. 136 con 494 voti favorevoli.
Se i parlamenti nazionali ratificano l’entrata in vigore del trattato ESM si potrebbero anche verificare gravi scenari di retrocessione civile.
In Italia, il disegno di legge (n. 2914/2011) per la ratifica è stato presentato dall’ex ministro degli Affari esteri, Franco Frattini, di concerto con l’ex ministro dell’Economia e delle Finanze, Giulio Tremonti, l’ex ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, l’ex ministro per le Politiche europee, Anna Marina Bernini Bovicelli. Già la 1° commissione permanente Affari Costituzionali ha dato esito “non ostativo” (14 dicembre 2011) e la 14° commissione permanente Politiche dell’unione europea si è espressa in modo favorevole con osservazioni (25 gennaio 2012).
Sarebbe estremamente utile che i cittadini degli altri 16 stati verificassero lo stato di attuazione della ratifica della modifica dell’art. 136 nel proprio paese.
Si chiede:
ai parlamentari nazionali di esprimere voto contrario alla ratifica della modifica dell’art. 136 del Trattato sul Funzionamento dell’UE; al Presidente del Consiglio Mario Monti di spiegare ai cittadini italiani “luci ed ombre” del trattato ESM mediante dibattiti pubblici e di valutare proposte alternative di soluzione alla crisi;
al Presidente della Repubblica di non autorizzare la ratifica e di riferire pubblicamente le motivazioni del grande silenzio sui reali termini dell’entrata in vigore dell’ESM.
Si invitano:
associazioni, movimenti, intellettuali, lavoratori, imprenditori e qualsiasi altra categoria sociale dei 17 paesi aderenti a mobilitarsi per contrastare l’entrata in vigore del trattato ESM in modo civile e non violento, anzitutto sottoscrivendo questa mozione popolare. Sarebbe inoltre utile inviare richieste di chiarimenti ai parlamentari nazionali, ai ministri e, almeno per quanto riguarda l’Italia, al Presidente della Repubblica;
giornalisti di qualsiasi mezzo di informazione pubblico o privato a trattare la questione; magistrati e docenti universitari a valutare l’esistenza di profili di incostituzionalità e ad esprimersi sull’impatto che le immunità ed i privilegi contenuti nel trattato ESM possono avere nella vita democratica del paese, tenendo anche conto del crescente grado di corruzione politica.

La cura Monti ci porterà all’eutanasia

Cito testualmente dal sito Democrazia Radical Popolare (http://www.democraziaradicalpopolare.it).

“Mario Monti, a margine del suo recente soggiorno londinese, ha specificamente chiesto ai Fratelli della City di impegnarsi in modo massiccio per acquisti di titoli di stato italiani, in modo tale da favorire un significativo calo del suddetto e famigerato spread. Ciò, in cambio di generose concessioni affaristiche sull’imminente business delle dismissioni/privatizzazioni di beni e aziende pubbliche italiane, nazionali e locali. In tal modo, i cittadini del bel Paese avranno l’illusione (mediante un’artificiosa e revocabile discesa dello spread, scientemente e strumentalmente realizzata per fini speculativo-predatori imminenti da gruppi finanziari e fondi di investimento manovrabili da Fratelli britannici) di aver cominciato a migliorare qualcosa, mentre in realtà la disoccupazione continua ad aumentare, le aziende italiane continuano a fallire, le banche concedono sempre meno credito, le tasse aumentano, i redditi calano così come il potere d’acquisto di salari e pensioni, la spesa e i servizi pubblici diminuiscono in qualità e quantità, la precarietà non diviene mai flessibilità e dinamismo di offerta lavorativa, e ci si prepara anche a rendere i licenziamenti più facili e indolori per chi li dispone, spacciando impunemente la cosa per un incentivo all’assunzione e alla mobilità professionale.

Il governo Monti, in sostanza, è un esecutivo di pericolosi impostori, manipolatori e parolai che, con la complicità di mass-media servili e di forze politiche ignave, ignoranti e imbelli (oltre che subalterne culturalmente e ideologicamente), vendono agli italiani le loro ricette dogmaticamente mercatiste come preziose perle di sapienza politico-economica.

Si tratta in realtà di provvedimenti legislativi e normativi in certa misura insignificanti, in altri casi, invece, drammaticamente pericolosi e nocivi per il bene comune.

Ma l’aspetto più rilevante dell’esecutivo Monti non è rappresentato da ciò che esso sta facendo o intende fare, quanto da quello che esso non sta facendo né mai farà, causando così la perdita di tempo prezioso all’Italia e all’Europa, che avrebbe avuto bisogno di un Premier italiano (in rottura con il pernicioso duetto “Merkozy”) sostanzialmente autorevole ed incisivo nel far cambiare rotta alle politiche della UE e non vanamente celebrato per i suoi allori passati e futuri di servizievole cane da guardia dell’ortodossia mercatista propugnata da “Sorella Merkel” e “Fratello Draghi” (tanto per usare termini cari al lessico muratorio in voga legittimamente, purtroppo, anche presso gli ambienti più reazionari e oligarchici di certa massoneria e para-massoneria planetaria).

In definitiva, il “giochetto” per truffare/abbindolare gli italiani è il seguente (ammesso che riesca sino in fondo , perché le variabili sono notevoli, anche in presenza di massicci acquisti artificiosi e mirati di titoli di stato italianida parte di solidi gruppi finanziari vicini al Massone Monti) : fintanto che scende lo spread, il Premier bocconiano si sente autorizzato a procedere spedito con le sue pseudo-riforme pseudo-liberalizzanti e a traccheggiare sulla richiesta di vere e incisive riforme strutturali della governance politico-economica europea ai vari partners europei (Germania e Francia in testa).

Mentre la Grecia sta costituendo il laboratorio più truculento e tragico della ferocia iper-mercatista tecnocratica ed oligarchica (con BCE, FMI, UE e tutti gli altri soggetti interessati placidamente coesi nel massacrare socialmente la culla della civiltà europea), il disegno progettato per l’Italia è solo poco più soft.

E prevede delle varianti, in caso di opposizione parlamentare alla sua realizzazione.

Non appena le misure austere, recessive e depressive dovessero essere stoppate o ostacolate, il Massone Contro-Iniziato Monti, di concerto con il Massone Contro-Iniziato Draghi, provvederà a facilitare nuovi aumenti dello spread (attivando fior di amici fraterni operanti sulle principali piazze finanziarie, Londra in testa, per mettere in opera, in questo caso, massicce vendite di titoli di stato italiani), il cui rialzo sarà opportunamente enfatizzato dalle truppe mediatiche asservite, così da ri-legittimare il proseguimento senza intoppi della legiferazione neoliberista e ipermercatista montiana.

Obiettivi principali e finali dell’esecutivo Monti: dismissione/privatizzazione di beni, aziende e servizi pubblici nazionali, regionali e locali (a very great business for many brothers and friends) e, naturalmente, revisione dei diritti del lavoro, così da rendere disponibile anche nel Bel Paese molta nuova manodopera a basso costo, soprattutto per aziende tedesche, francesi o sovra-nazionali interessate ad una forzata proletarizzazione/cinesizzazione dell’Italia e dell’Europa.

Quindi, ammesso e non concesso che il famigerato spread possa tornare ai livelli pre-estate 2011, ma nel contempo la disoccupazione dovesse aumentare esponenzialmente (serve agli Oligarchi per imporre nuove forme di occupazione con salari e condizioni contrattuali sempre più infimi), il potere d’acquisto delle famiglie (vessate da nuove tasse e private sempre più di servizi pubblici) diminuire sensibilmente, il credito divenire sempre più inaccessibile per aziende e cittadini, le imprese fallire, i commerci languire e i professionisti non ottenere pagamenti da clienti sempre più squattrinati, che cosa se ne saranno fatti gli ITALIANI della CURA MONTI?

Un Nuovo Centro-Sinistra degno di questo nome deve iniziare sin d’ora ad elaborare le giuste strategie comportamentali per far fronte a questo ordine di cose, tanto nel presente che nell’immediato futuro. Senza sottovalutare i suoi antagonisti, che si annidano spesso, come serpi in seno, all’interno degli stessi partiti “progressisti”. Serpi inviate/infiltrate per conto di poteri oligarchici disposti a manipolare indifferentemente destre e sinistre, pur di conseguire i propri scopi eversivi di una normale vita democratica delle società umane contemporanee.”

Qualcosa mi dice che dovrete tenere a mente queste parole fra qualche mese.