“The dirty clothes of the left wing party”: an interview with Stefano Santachiara

An interview with Stefano Santachiara, co-author with Ferruccio Pinotti, of the journalistic investigative book on the transformation of the major Italian political party.
“I admit it: we could and should have done more and better. We underestimated the
viscosity of the collusive customs that are dominant in our country, even in the
intellectual environment. The point is that a civil, ethical and political culture can’t be
established with articles, seminars and refined books. It must come from a common reason, a shared value”.Image

Salvatore Veca’s explanations can be found in the book “I panni sporchi della Sinistra – I segreti di Napolitano e gli affari sporchi del PD” (in English: “The dirty clothes of the left wing party – Napolitano’s secrets and the dirty affairs of the Democratic Party”) by Ferruccio Pinotti and Stefano Santachiara (Chiarelettere, 2013 pp 382), a book that maybe encompasses the most valuable synthesis of this transformation phenomenon. As the book goes on, it offers a low-key interpretation of the situation, especially targeting the electors of this political party whom, at every defeat or after every incomprehensible action, ask themselves: why?
Meanwhile Silvio Berlusconi, in the evening of November 27, was expelled from the Parliament after a long, lengthy agony, as a result of the application of the Severino law.

“Ousted” – “Voted out” – “Expelled”: International newspapers, especially the anglosaxon ones have reported the decision taken by the Italian Parliament using the most variegated terminology. The rupture, then, was not year 2011, when the “technicians” took office, but November 27, 2013.
Reading “I panni sporchi della Sinistra – I segreti di Napolitano e gli affari sporchi del PD” by Ferruccio Pinotti and Stefano Santachiara is like raising the semi-dark veil which still today covers those schemes and games that we never managed to unveil. The interview with one of the authors, Stefano Santachiara, an inquiry journalist and collaborator for the newspaper “Il Fatto Quotidiano”, aims at clarifying the scope of the book and most of all sheds a light on a story that is still mostly unknown: the inquiries of which very little is said, the collusions, and the endemic sin that brought to the anthropological transformation of a party that was founded to be something different.

In your book there is a full analysis of several happenings that concern the Democratic Party, starting from the time when it was symbolically represented by Berlinguer’s person, and then going through the lives and deeds of some of the key exponents. Why did you feel the necessity, the urgency, to reconstruct the framework of the center-left wing? Did you feel that the press was lacking in reporting the ambiguous, corruption affairs in which the party is involved? 
I believe there was the necessity to reconstruct an organic picture of the party, that would be useful to understand the reasons of the involution of the Italian left wing, both in terms of political program and culture. The publishing industry, despite the frequent polemics inside and outside the PD, induces the reader in believing the contrary, and has treated in a superficial and sometimes neglectful way the various events that affect the nerve centers of the System. I am not just talking about the well-known cases, but also about the several judiciary and journalistic inquiries on opaque relationships, conflicts of interests, and the sophisticated means that also the democrats use to finalize businesses and grow their power.

In light of the new government majority, after the desertion of Forza Italia and the very recent expulsion of Silvio Berlusconi from the Parliament, can the figure of Giorgio Napolitano be interpreted differently from the way you described it in its various aspects (from “migliorista” [ belonging to a reformist subgroup of the former Communist Party] to “atlantista” [tied to Atlantic powers], and finally evidently in sync with Silvio Berlusconi)?
The relationship between Napolitano and Berlusconi has seen phases of explicit syntony alternated with tactic estrangements. We must take into account that the leader of the re-estabilished Forza Italia is not defeated: on one side a law (the former Cirielli law) protects him from all risks of being imprisoned; on the other side he will try to become Prime Minister again without going through the elections, which he will carry on anyway in an even more self-pitying fashion. Also, the hypothesis of an act of grace from the President of the Republic cannot be excluded, unless there really aren’t the prerequisites to grant grace, as the latter has stated. In every case, when the situation will evolve in a negative way for Berlusconi who, as every human phenomenon is destined to disappear, Napolitano will act as a barometer. “King George” is the supreme warrantor of the Atlantic power; he is well-liked by the Vatican and is double-linked to the Italian left wing of the Second Republic. Indeed, it must not be forgotten that the “Berlusconism”, the proprietorial and shoddy management of the institutions that has penetrated the country with its moral ruins, has created a far larger system. Just to stay on the topic of justice, in its 7 years of government, the left wing – as we have explained in our book – has not trashed any of the “laws of shame” but has ended up creating their owns. The governments of the “technicians” have put in place measures of “social butchery” by applying the austerity doctrine and by privatizing strategic sectors of the State. The modern left wing has tried to enter the parlor and has developed relationships with unscrupulous financial experts. Napolitano has observed these phases on a due distance, but has always played and will continue playing a primary role in the geopolitical arena.

In the detailed and would say new biography of the President of the Republic there are several historic happenings that have been eluded by the most, such as the one of the escape of the former representative of the P2 Licio Gelli, just when Napolitano Minister of Internal Affairs in 1998. Another event of those years (1997) is the audition of the justice collaborator Carmine Schiavone before the Parliament Commission of Inquiry on waste recycling, an inquiry that was advertised only after the removal of the State Secret. These essential information have been kept secret for almost 20 years. Is this still due to the need to guarantee an equilibrium in the country?
This is the emblem of a country that is content with pieces of truth, often convenient truth. It is evident that truth is hidden at many levels because the mass of powers that manage the destines of this country does not allow that the conditions to bring light to these obscure seasons are created, by applying also the strategy of tension commendably described by Pier Paolo Pasolini. Furthermore Italian media, addressed by impure publishers with different interests but connected to each other, have reduced inquiry journalism to the bones. Just to give an idea of the current “dispersion” and “repression” strategy, it is enough to notice that while the Kennedy family is still venerated, our own “JFK”, Aldo Moro, has been forgotten already from a long time.

You compare Aldo Moro to JFK in terms of changing potentiality, for the major change that the first tried to apply with the attention strategy that then culminated in the historical compromise. However, Moro put together that “strategy” just because – being him a great political strategist – he understood that it was not possible anymore to isolate a party that was gaining ever more popularity in the country. In reality, the strategy only aimed at a normalization, a control that the Italian Communist Party (PCI), after the initial due caution, accepted with significant consensus just to stay in the parlor of power. In my opinion, even here in Italy, Moro is not looked at under an objective light. What do you think about it? 
I share your interpretation, also considering the role of bastion that the DC (Democrazia Cristiana – in English, Christian Democracy, Moro’s party) undertook in the International scenario and the natural pretension towards the Cold War politics. I believe that the person of Moro has become an icon, which has been however removed in many crucial aspects.

Another key figure of the “cold fusion” between left wing and former DC representatives, to quote Achille Occhetto whom you interviewed in your book, is Luciano Violante who has lived his political life after an admirable career as a magistrate with perfect balance. The apex of this balance seems to be the so called “negotiation” between State and Mafia (for which Napolitano was asked to give his testimony as a witness along the trial hearings), that sees him as a protagonist with late depositions on his role in those years (92-93). Violante, as you report in the book, had adopted a very cautious position on Berlusconi’s decadence from Parliament. What happened this time? Is this new balance being formed and how?
I believe that everybody is still waiting. Violante’s movements must be observed with great attention because we are talking of a chameleonic person that has lived the most delicate phases of the Italian contemporary history. After having investigated on the military coup by Edoardo Sogno, Violante was entitled as consultant of the Ministry of Justice in the Andreotti government of national solidarity. In the role of President of the Anti-Mafia Parliament Commission he has been depicted as the fist accuser of the “Divo Giulio” (Divine Giulio) at the time of the inquiry carried out by the Prosecutor of Palermo Giancarlo Caselli. In that phase, as you reminded me, Violante had a very ambiguous behavior when the audition of Vito Ciancimino before the Commission did not take place, and was also ambiguous about the conversations with the general officer Mario Mori, that Violante made public 16 years later only. I am pretty sure that the 2002 confession about an under-the-table agreement with Berlusconi for the intangibility of Mediaset can represent some sort of message to decode, typical of political groups who share secrets.

In the chapter Mafia nella roccaforte rossa [“Mafia in the red headquarters” in English] on the Serramazzoni case ( a town in Emilia Romagna involved in the judiciary inquiry opened in 2011 on a possible collusion between Mafia and politics), you state that this is the “first” verified case about relationships between Mafia and politics in which the PD is formally involved: what do you mean by first verified case?
Actually it’s the first case in Northern Italy about an administration led by the PD. Regardless of the outcome of the trial (the charges are: corruption and collusive tendering of some works in the Apennine region), the relationships between the PD major of Serramazzoni Luigi Ralenti and the former detainee Rocco Baglio from Gioia Tauro have already been verified. According to the prosecution, the Mafia boss won the contracts with one hand and with the other set arsons, and sent to other contractors animal heads, an unmistakable Mafia symbol. Even if collusion events are more numerous in the centre-right wing – starting from the founder of Forza Italia Marcello dell’Utri who was convicted for involvement in criminal association, the growing international enterprise of the “Mafia Ltd.” involves the left wing as well, and not only in the South.

Your description of the role of the PD women is particularly interesting and shows that despite various claims and a few recent representative designations (and of course apart from some great women of the past like Nilde Iotti and Tina Anselmi) they don’t seem to find a relevant role and power in the party. Left aside what you report in the book chapter “Women in PD”, can you explain us why this is so?
The reasons must be found in the cultural retardation of the patriarchal society influenced by the Vatican. The left wing, even if with its chauvinist unwritten dogma, has allowed women to conquer fundamental roles and rights throughout the ‘900. The fact that the driving force is now aground, and today the PD acts just as the other Italian political parties, could be connected to the entrance in the rooms of power and the conception of power which implies co-optation, in alignment with criteria which are not meritocratic. Nevertheless, there are examples of women who stand out for the courage and rigor they apply in their analysis and proposals; great administrators who challenge the Mafia, as we tell in our book.

(Simona Zecchi).

English version by Marina Melchionda, translation collaborator: Giacomo Bracci, a scholar economist

Stefano Santachiara, investigative journalist, is a collaborator of “Il Fatto Quotidiano” since 2009.
Ferruccio Pinotti writes for “Corriere della Sera” and has authored many inquiry books on strong powers.

Fonte: http://stefanosantachiara2.wordpress.com/2014/01/04/the-dirty-clothes-of-the-left-wing-party-the-la-voce-di-new-york-interview/

Disponibile su La Voce di New York: http://www.lavocedinewyork.com/I-panni-sporchi-della-Sinistra–I-segreti-di-Napolitano-e-gli-affari-del-PD-/d/3562/

Annunci

“Non si poteva fare diversamente”

Nel mezzo del casin di nostra vita, fra i beceri exploit del Trota e i soliti giochi di prestigio di Comunione e Liberazione, la notizia politica più significativa dell’anno 2012 è passata inosservata grazie all’immancabile silenzio dei media.

Lo scorso 17 aprile infatti, il Senato ha approvato in seconda lettura il ddl che introduce nell’art. 81 della nostra Costituzione il vincolo del pareggio di bilancio: 235 voti favorevoli, 11 contrari, i restanti astenuti o “in missione”. Roba da economisti, diranno i più. Sarà, ma cosa tutto ciò significhi in termini pratici lo hanno spiegato con dovizia di particolari Paolo Barnard, Lanfranco Turci, Vladimiro Giacchè e perfino un accademico della Luiss, il prof. Giuseppe Di Taranto, ai microfoni del Tg1.

Il messaggio è forte e chiaro: se lo Stato tassa esattamente in misura eguale alla spesa che effettua per la cittadinanza, quella che gli economisti chiamano “domanda aggregata interna” subisce delle pesanti diminuzioni, che a loro volta hanno un effetto depressivo sui redditi, e così via fino ai consumi, che ne usciranno devastati. Per anni, l’egemonia neo-liberista imperante, che regna in maniera assolutamente bipartisan, ci ha raccontato che il debito pubblico è di per sè un cancro da combattere, ma senza spiegarcene accuratamente la ragione. Si dà per scontato che lo Stato, come un qualsiasi padre di famiglia o una qualunque impresa, debba risparmiare in misura uguale o superiore a quella che desidera spendere: da qui l’idea che sia necessario tendere verso il pareggio di bilancio, per assicurare un buon corso dell’economia interna.

Niente di più falso, e lo possiamo appurare riflettendo sulla natura del sistema monetario vigente. In sostanza, gli Stati membri dell’Unione Europea hanno perso ogni forma di sovranità monetaria: sono vincolati dal punto di vista finanziario dalla quantità di titoli del debito che riescono a collocare sul mercato, offrendoli a investitori privati, a tassi d’interesse decisi dal mercato stesso (non mi dilungo sul meccanismo, che ho trattato in questo post).

Una misura così fortemente depressiva è stata votata a maggioranza dall’intero asse partitico che sostiene il governo Monti (Pd, Pdl, Udc); eppure non è poi così datata l’affermazione del segretario del Pd Pierluigi Bersani, il quale in data 11/08/2011 affermava: “Non parlateci di pareggio di bilancio in Costituzione, sarebbe castrarsi da ogni politica economica“.
E certo che sarebbe castrarsi da ogni politica economica: del resto anche negli Usa si era provato ad introdurre un simile principio, ma con grande tempestività diversi premi Nobel per l’economia hanno informato il governo Obama e l’opinione pubblica dell’assoluta scempiaggine che si stava per compiere.

Cosa ha spinto allora il Pd a votare in maniera così allineata e coperta questo provvedimento, imposto con diktat degno degli antichi imperatori persiani dal Direttorio tedesco dell’Unione Europea?
Senz’altro, all’interno del partito esiste un solco profondo fra i convinti assertori di simili norme, ad esempio i centristi ex-Margherita che guardano con favore ad uno “Stato minimo” di matrice reaganiana, e la corrente più a sinistra, che Bersani sembra rappresentare; ma il voto è stato unanime e compatto.

La redazione di Democrazia Radical Popolare, movimento politico vicino al Grande Oriente Democratico, ha così descritto gli avvenimenti di quei giorni:

Costui [Bersani], dopo aver affermato nell’agosto 2011 che inserire il principio del Pareggio di Bilancio obbligatorio in Costituzione sarebbe equivalso ad un’opera di castrazione e inibizione di qualsivoglia politica economica, con inenarrabile faccia di bronzo ha impartito ai deputati e senatori PD l’ordine di scuderia di approvare questa misura suicida e criminale per le sorti del popolo italiano.

[…] Si tratta di misure ferocemente neoliberiste, di una destrorsità talmente ottusa che anche un conservatore come David Cameron le ha rigettate e persino un liberal-liberista italiota doc come Nicola Porro ha dovuto ammettere che, in un momento come l’attuale, spingere per il Pareggio di Bilancio Costituzionale era quantomeno inopportuno.

Si tratta insomma di un’inversione a 90° gradi, di cui gli stessi elettori del PD non si rendono minimamente conto. La domanda che sorge spontanea è: chi è questo dio potente che induce il segretario del partito a militarizzare il tal senso la votazione?
Soprattutto perché ieri, 20 aprile, Pierluigi Bersani ha dichiarato ad un cittadino, che gli poneva una simile domanda, che ribadisce le posizioni espresse l’11 agosto 2011, così come la sua disapprovazione delle politiche economiche tracciate dal Fiscal Compact. “Non si poteva fare diversamente“, ha però aggiunto, quando lo stesso cittadino gli faceva notare che il voto del suo partito al Senato andava esattamente nella direzione opposta.

Il quadro assume tinte sempre più fosche. Al di là del giudizio di merito che si può dare ad una simile insipienza, ed una tale mancanza di lungimiranza da parte del PD, ciò che emerge dalla vicenda è che il Parlamento italiano è stato completamente esautorato da ogni suo potere.
Non solo il governo tecnocratico europeo, nella persona di Monti, ha stretto sempre più rapidamente la sua morsa attorno all’Italia, ma anche attorno a quelle sparute frange di dissenso. L’evidente minaccia a tali forze è stata chiara: ve la sentite di opporvi a qualcuno che è in grado di far aumentare vertiginosamente lo spread fino al punto di non ritorno, e di far ricadere, tramite i media, la responsabilità del successivo collasso sulle vostre teste?
Evidentemente non se la sono sentita.

Il massimo del dissenso possibile, per membri del PD come Vincenzo Vita, è stato l’astensione. Dalle sue parole, apparse su Twitter, si deduce l’entità dell’assoluta impotenza della politica italiana, di fronte alla forza di lorsignori: “Ieri mi sono astenuto nel voto sull’equilibrio di bilancio, ritenendo sbagliato metterlo in Costituzione. E’ stata una scelta di dissenso“.

E così, all’insegna del “ce lo chiede l’Europa” e del “non si poteva fare diversamente”, si chiude un cerchio che è iniziato da qualche decina di anni, con la ratifica benpensante del Trattato di Maastricht e dei successivi accordi europei, le privatizzazioni selvagge del ’92, ad opera di un signore che oggi presiede la BCE, le misure destabilizzanti e depressive su occupazione e tassazione promosse dai governi di centro-destra e centro-sinistra, legati a doppio filo alle lobby finanziarie mondiali che stanno profittando da questa crisi.
Questo paziente lavoro di estromissione della politica dal suo ambito d’azione ha dato i suoi frutti, grazie ai rapidi passi in avanti che le forze politiche italiane hanno permesso a questo progetto di compiere.

Lasciate ogni speranza voi che entrate“, quindi, ma soprattutto, lasciate ogni speranza voi che votate.

L’ESM: criminalità o delinquenza?

Sottoscrivo in pieno la seguente mozione, scritta e promossa da Lidia Undiemi di PalermoReport.it. Invito tutti a leggerla, farla propria e diffonderla il più possibile.
Scegliete da che parte stare, perchè questa è guerra.

Mozione popolare contro l’attribuzione ad una organizzazione finanziaria intergovernativa del fondo “salva stati”

Premesso che:
Il dibattito sulle cause della crisi è praticamente scomparso dalla scena pubblica.
In un contesto di questo tipo le politiche di austerity rappresentano un sacrificio drammaticamente inutile per i cittadini in quanto, sostanzialmente, si tratta di versare ulteriore liquidità nel buco nero della finanza speculativa.
I leader dei paesi europei stanno tentando, in fretta e furia, di portare a regime il trattato che istituisce il Meccanismo Europeo di Stabilità (ESM), ossia lo strumento scelto dalla politica di Bruxelles per fornire assistenza finanziaria ai paesi in difficoltà, sulla base, si badi bene, del rispetto da parte dello Stato (potenziale) debitore di “rigorose condizionalità” negoziate con l’ESM nell’ambito di un programma macro-economico di aggiustamento e di una rigorosa analisi di sostenibilità del debito pubblico.
Il trattato ESM non è semplicemente un insieme di regole finalizzate ad ottenere la stabilità finanziaria della zona euro ma si tratta di un documento che disciplina l’istituzione di un organismo finanziario internazionale dove i 17 paesi aderenti, compresa l’Italia, dovranno negoziare, non in qualità di Stati sovrani ma di soci e di debitori, scelte di politica nazionale al fine di ottenere la liquidità necessaria per evitare il default.
La pericolosità di tale scelta per i cittadini europei è riscontrabile nelle trattative con il governo greco: organismi internazionali (troika) mirano a sostituirsi alle istituzioni nazionali imponendo ai rappresentanti politici la firma di un documento che attribuisce il peso della crisi alla popolazione, in cambio dell’assistenza finanziaria necessaria per pagare il debito in scadenza. Taglio delle pensioni, riduzione dei salari minimi e privatizzazioni, queste sono misure di austerità che scavalcano i sistemi democratici e che tolgono ai cittadini la possibilità di poter attuare politiche di sviluppo economico in grado di contrastare la finanza speculativa.
L’ESM intende operare come un qualsiasi istituto finanziario, erogando prestiti, rivolgendosi al mercato per potere soddisfare le richieste di concessione di denaro al fine di ottenerne un profitto.
I membri dell’istituzione finanziaria ESM, compresi quelli dello staff, sono immuni da procedimenti legali in relazione ad atti da essi compiuti nell’esercizio delle proprie funzioni. L’ESM gode inoltre di una incomprensibile “inviolabilità” dei documenti.
Il trattato stabilisce che i beni, le disponibilità e le proprietà del MES, ovunque si trovino e da chiunque siano detenute “godono dell’immunità da ogni forma di giurisdizione, salvo qualora il MES rinunci espressamente alla propria immunità in pendenza di determinati procedimenti o in forza dei termini contrattuali, compresa la documentazione inerente gli strumenti di debito” e “non possono essere oggetto di perquisizione, sequestro, confisca, esproprio e di qualsiasi altra forma di sequestro o pignoramento derivanti da azioni esecutive, giudiziarie, amministrative o normative”.
Dal punto di vista democratico, considerando anche i grandi sacrifici che vengono chiesti agli stati europei, risulta incomprensibile la scelta di garantire l’esenzione fiscale all’ESM.
Nonostante l’assenza pressoché totale di informazione, il trattato ESM non è ancora entrato in vigore in quanto occorre la ratifica da parte degli stati aderenti della modifica dell’art. 136 del Trattato sul Funzionamento dell’UE (decisione del Consiglio Europeo) che istituisce il meccanismo di stabilità finanziaria per la zona euro.
Il Parlamento europeo si è già espresso in favore della modifica dell’art. 136 con 494 voti favorevoli.
Se i parlamenti nazionali ratificano l’entrata in vigore del trattato ESM si potrebbero anche verificare gravi scenari di retrocessione civile.
In Italia, il disegno di legge (n. 2914/2011) per la ratifica è stato presentato dall’ex ministro degli Affari esteri, Franco Frattini, di concerto con l’ex ministro dell’Economia e delle Finanze, Giulio Tremonti, l’ex ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, l’ex ministro per le Politiche europee, Anna Marina Bernini Bovicelli. Già la 1° commissione permanente Affari Costituzionali ha dato esito “non ostativo” (14 dicembre 2011) e la 14° commissione permanente Politiche dell’unione europea si è espressa in modo favorevole con osservazioni (25 gennaio 2012).
Sarebbe estremamente utile che i cittadini degli altri 16 stati verificassero lo stato di attuazione della ratifica della modifica dell’art. 136 nel proprio paese.
Si chiede:
ai parlamentari nazionali di esprimere voto contrario alla ratifica della modifica dell’art. 136 del Trattato sul Funzionamento dell’UE; al Presidente del Consiglio Mario Monti di spiegare ai cittadini italiani “luci ed ombre” del trattato ESM mediante dibattiti pubblici e di valutare proposte alternative di soluzione alla crisi;
al Presidente della Repubblica di non autorizzare la ratifica e di riferire pubblicamente le motivazioni del grande silenzio sui reali termini dell’entrata in vigore dell’ESM.
Si invitano:
associazioni, movimenti, intellettuali, lavoratori, imprenditori e qualsiasi altra categoria sociale dei 17 paesi aderenti a mobilitarsi per contrastare l’entrata in vigore del trattato ESM in modo civile e non violento, anzitutto sottoscrivendo questa mozione popolare. Sarebbe inoltre utile inviare richieste di chiarimenti ai parlamentari nazionali, ai ministri e, almeno per quanto riguarda l’Italia, al Presidente della Repubblica;
giornalisti di qualsiasi mezzo di informazione pubblico o privato a trattare la questione; magistrati e docenti universitari a valutare l’esistenza di profili di incostituzionalità e ad esprimersi sull’impatto che le immunità ed i privilegi contenuti nel trattato ESM possono avere nella vita democratica del paese, tenendo anche conto del crescente grado di corruzione politica.

Lo volete dire?

He was the right man in the right place: he made the wrong choices, he is pushing Europe into the dark zone.
(Paul Krugman su Mario Monti)

Carissimi internauti, oggi sono particolarmente incazzato. Sono reduce da un viaggio nel Regno Unito, dove ho compreso che in buona sostanza il nostro destino si gioca in una partita a scacchi. Essa vede, da un lato, un team eterogeneo di politici ed economisti che ripudiano la teoria del pareggio di bilancio (perchè di mera teoria si tratta, e non di salvifica medicina): ne fanno parte pezzi da novanta come Paul Krugman, Amartya Sen, Nouriel Roubini, parte dello staff di Obama (che pure contiente degli elementi disgustosamente neo-liberisti) ma anche e soprattutto moltissime voci alternative. Dall’altro, vi è un gruppo di politici e tecnocrati che sanno mascherare con disinvoltura un pensiero ferocemente oligarchico, reazionario e anti-sociale: ne fanno parte Angela Merkel, Mario Draghi, Nicholas Sarkozy, Mario Monti, David Cameron, Mitt Romney e gran parte dell’establishment europeo.

I nostri media bovini, ignoranti e malevoli ci hanno fatto credere che l’incontro di Monti con Obama è stato una sorta di recupero dell’Arca dell’Alleanza, dove il presidente americano avrebbe concordato con il nostro Marione una inesistente strategia comune per il salvataggio dell’Eurozona. Non è così, e per provarvelo vi riporto tre dichiarazioni che ho rintracciato nel blog dell’ottimo Sergio Di Cori Modigliani:

Giovedì 9 Febbraio. Corriere della sera on line. Ore 20. “Obama promuove l’Italia mentre a Bruxelles si trova l’intesa con la Grecia. Bene spread e borsa che vola con titoli bancari al rialzo”.

La repubblica on line. Ore 20. “E’ ufficiale: Bruxelles e la Grecia firmano l’accordo. Monti trova il semaforo verde a Washington. Si va avanti. Adesso: lavoro e ripresa economica”.

Venerdi 10 Febbraio. Ore 11. San Francisco Chronicle. Business section. “L’elegante e colto professore italiano non incanta Obama. Frattura tra due idee diverse dell’Europa, della gestione del mercato del lavoro e della ripresa degli investimenti”.

Ore 13. London Stock Exchange, comunicato stampa: “la mancanza dell’accordo tra BCE e la Grecia, dove la situazione rischia di sfuggire al controllo sociale, impone una cauta riflessione: le banche italiane non reggono l’urto dei mercati”.
Punto e a capo. Ma la ragione della mia profonda incazzatura risiede della negligenza, nell’imperizia, nell’imprudenza, nell’asservimento, nella stupidità, nella totale incapacità ermeneutica delle figure che, in Italia e in Europa, dovrebbero rappresentare “le forze progressiste e democratiche”. Sì perchè l’elenco delle qualifiche sopra citate è sempre stato e sempre sarà patrimonio di quell’ala conservatrice e filo-governativa delle destre; ma vedere che tutto il centro-sinistra italiano merita a pieno titolo questo popò di complimenti fa capire la portata della globale manipolazione a cui l’èlite finanziaria ci sta sottoponendo. Una manipolazione che riesce a far passare per “salvataggio” il massacro che la troika UE-BCE-FMI sta imponendo ad una Grecia ormai stremata; e riesce ad omettere dei punti fondamentali che invece vanno ribaditi con forza.
A Repubblica, al Partito Democratico e a Il Sole 24 Ore. Lo volete dire che il debito pubblico è un falso problema, e che il vero problema è la mancanza di un’autorità centrale, che svolga una vera politica monetaria, invece di limitarsi a tenere bassa l’inflazione per far viaggiare in alto l’export dei Paesi più forti?
Volete dire ai vostri lettori che il mondo intero è sotto attacco da parte di un patto scellerato fra gli sciacalli della finanza e le sacche più retrive e reazionarie del potere, che hanno trovato nella speculazione finanziaria il cavallo di Troia perfetto per distruggere i progressi che il diritto, la democrazia e la società hanno compiuto negli ultimi 250 anni?
Volete aggiungere che l’asse Monti-Draghi-Merkel è il cerbero al servizio degli squali della finanza, e che condivide con essi la responsabilità di aver fatto collassare tutta l’Europa mediterranea, oltre che di aver svolto un lavoro chirurgico di macelleria sociale negli Stati Uniti, di aver consentito che la delocalizzazione del lavoro delle grandi imprese creasse da noi una disoccupazione devastante, e nei Paesi in via di sviluppo una nuova forma di schiavitù?
Volete, infine, ammettere che avete riso e scherzato per anni di una figura pericolosissima, malevola, responsabilie del declino italiano, senza combatterlo quando andava combattuto, salvandolo sempre nei momenti in cui meritava un colpo di grazia politico? Volete dirlo che il Maestro Venerabile Silvio Berlusconi e il suo staff sono stati al Governo per 20 anni con il mandato di fare i propri cazzi e lasciare appositamente l’Italia fallire, in accordo con il Gotha della finanza mondiale, che in cambio ha consentito al Fratello Silvio di restare in sella, impunito e riverito, finchè era utile?
Sono semplici consigli, ma ricordatevi che se non li terrete a mente sarete anche voi nel banco degli imputati di un processo che la Storia farà ai danni di questa criminosa oligarchia mondiale. I danni che essa ha causato al pianeta meritano una denuncia al Tribunale Internazionale dell’Aia per crimini contro l’umanità: quando ciò accadrà, sarà il mondo intero a sputargli in faccia.

SPREAD

La categoria di articoli riguardo allo studio degli strumenti basilari dell’economia e della finanza si apre con quello che ormai è l’ospite più inquietante di Casa Italia: il famoso SPREAD.

Maccio Capatonda ha immortalato in maniera sublime l’assalto mediatico alle orecchie degli italiani sui temi della crisi finanziaria:

Cos’è dunque il famigerato spread?
Immaginiamo innanzitutto di essere lo Stato Italiano. Abbiamo necessità di 40 milioni di euro per investire in un determinato bene o servizio utile alla collettività, e dobbiamo trovare i soldi per finanziare l’investimento; vedremo in altri interventi dove sia il devastante meccanismo strozza-Stati che ha generato l’attuale crisi, ma prima di tutto è importante capire come uno Stato europeo reperisce i fondi necessari al suo sostentamento.
Per trovare questi soldi, ci rivolgiamo quindi al cosiddetto mercato dei capitali emettendo delle obbligazioni, ovvero chiediamo un prestito al mercato finanziario offrendo in cambio dei titoli di credito (che possiamo immaginare come dei “pezzi di carta” con un determinato valore, nel nostro esempio 40 milioni di euro in totale) più un determinato tasso di interesse (che costituisce in altre parole il “prezzo” del finanziamento per noi e al contempo lo “stipendio” del creditore).

Le obbligazioni italiane più famose sono i BOT e i BTP a durata decennale (cioè al termine dei 10 anni lo Stato deve restituire il denaro ai creditori); esse vengono piazzate sul mercato e sta agli investitori mondiali stabilire se e in che misura investire in queste obbligazioni o in quelle di altri Stati. Come strumento informativo per gli investitori, gli analisti finanziari valutano le diverse obbligazioni dei Paesi confrontandole con un’obbligazione “campione” che è considerata l’investimento più sicuro con tassi di interesse stabili. Per l’Europa questa obbligazione “campione” è il BUND tedesco a rendimento decennale, e la convenienza dell’investimento per chi deve comprare viene calcolata tramite la differenza fra i tassi di interesse offerti da quelle obbligazioni e i tassi offerti dal BUND.
Questa differenza è proprio il nostro caro SPREAD.

Mentre sto scrivendo, lo spread è circa a quota 476 punti base. Cosa significa?
Banalmente, che la differenza fra i tassi di interesse (anche detti “rendimenti”) dei titoli italiani e dei BUND decennali è pari al 4,76%; più in profondità, che alla Germania il denaro costa il 4,76% in meno rispetto a noi. Vi lascio immaginare le conseguenze a livello di produttività, occupazione, salute sociale.

Ma veniamo al punto clou. Come e perchè oscilla lo spread? Per quale motivo recentemente ha toccato persino quota 580, con tassi di interesse oltre il 7%?
La risposta sta nella fiducia degli investitori/creditori, la quale a sua volta si misura confrontando la domanda con l’offerta di titoli: ovvero, tornando al nostro vecchio esempio, se quei 40 milioni piazzati dall’Italia non se li compra nessuno, i tassi saliranno per convincere gli investitori ad acquistare (sembra un paradosso “comprare il denaro” ma è in buona sostanza quello che accade). Lo spread quindi, misurando la differenza fra i tassi, misura al contempo l’affidabilità di chi piazza i titoli (l’Italia, nel nostro esempio); affidabilità che viene ripresa e classificata dalle cosiddette agenzie di rating.
La fregatura è che sono queste agenzie a costituire la base dati di chi è chiamato ad investire, anche se la famigerata affidabilità è determinata proprio dagli investitori: in pratica, un serpente che si morde la coda.

Le vittime di questo caos, come sempre, sono gli Stati che non hanno un fottuto euro da poter spendere per contribuire al benessere dello Stato sociale; da qui l’inasprimento della pressione fiscale e le altre aggressive misure anti-evasione, proprio per poter ricavare un po’ di fondi utili.
Il ragionier Monti e compagine però conoscono le cause dello strozzinaggio, così come le conoscevano Tremonti, Berlusca e compagni di merende, perciò la domanda sorge spontanea: per quale ragione continuate a non spiegare ciò ai cittadini?

La trappola

La prima osservazione che mi viene in mente è: ve l’avevamo detto.

Oggi un impeccabile Federico Rampini scrive su La Repubblica che gli analisti finanziari e macroeconomici di tutto il mondo (americani in primis) prevedono l’imminente crollo delle economie dell’Eurozona entro il 2013. Inoltre, essi criticano aspramente le politiche de-flazionarie e strozza-crescita della Banca Centrale Europea, affermando che i 489 miliardi erogati alle banche europee a dicembre 2011 costituiscano non la soluzione ma l’ennesimo problema dell’area Euro.

Si tratta di soldi che non aiutano per nulla l’economia reale (ovvero non vanno a fuoriuscire dalle tasche degli investitori sotto forma di investimenti che aiutano l’occupazione), ma in momenti del genere vengono trattenuti dalle banche nelle proprie riserve, al fine di coprire le proprie perdite. John Maynard Keynes ha descritto questo fenomeno come Trappola della liquidità: molto semplicemente, in momenti di crisi dove manca la fiducia dei consumatori nella crescita economica, qualsiasi tipo di fondo erogato ai grandi collettori di denaro finisce per “immobilizzarsi” nelle loro riserve. Ciò determina la cosiddetta recessione, nella quale, checchè ne dicano i profeti del Neoliberismo, ci troviamo già impantanati. Funziona così:

1) Gli investitori soffrono di perdite e hanno smesso da tempo di investire.
2) Arrivano alle banche (non ai governi) grandi quantità di fondi che vengono utilizzati per coprire le perdite, e visto che manca la fiducia nel futuro, il surplus non viene immesso nel circolo degli investimenti ma viene trattenuto dagli investitori stessi.
3) Con il crollo degli investimenti, crollano anche i profitti delle imprese (oltre al fatto che non se ne avviano di nuove), e conseguentemente crollano i redditi dei lavoratori dipendenti.
4) Le spese dei salari diventano insostenibili per i datori di lavoro, perciò iniziano i licenziamenti di massa, spesso accompagnati da spostamenti della produzione dove la manodopera costa meno (vedi caso Omsa).
5) La disoccupazione aumenta le tensioni sociali, abbassa il Pil, diminuisce la fiducia degli investitori esteri, fa entrare l’economia in una spirale depressiva che conduce alla paralisi di massa.

Disoccupazione giovanile
La disoccupazione giovanile: altissima in Italia, al terzo posto dopo Estonia e Lettonia.

Questa è la ricetta salva-Europa proposta da Mario Draghi e dalla scuola di pensiero che governa l’Europa da 20 anni. La crisi in cui si trova l’Eurozona è la naturale conseguenza di un sistema monetario e fiscale che impedisce l’efficace circolazione del denaro, la quale è essenziale per la sostenibilità del Paese.
Ecco perchè mi vengono in mente le reazioni entusiastiche di chi gioiva quando Draghi veniva posto a capo della Bce, quando Monti veniva incaricato della Presidenza del Consiglio, quando Papademos veniva insediato in Grecia: ve l’avevamo detto che sarebbe andata così, dovrebbe gridare il web a gran voce. C’è un gruppo vastissimo ed eterogeneo di voci che partono dai premi Nobel per economia come Paul Krugman, passando per i professori della Modern Money Theory come Randall Wray fino ad arrivare ai blog “complottisti” più elementari; gli allarmi, le critiche, le ricerche di questo gruppo sono rimaste inascoltate come minimo da un decennio, ed ecco dove ci troviamo.